Giornalismo e pregiudizi, il caso rom
A Cagliari un workshop contro l’Hate speech

media4change_interna

Venticinque giornalisti e attivisti per i diritti umani provenienti da undici Paesi del vecchio continente, si sono confrontati per tre giorni nel capoluogo sardo per parlare del razzismo nel linguaggio dei media.  Un’esigenza primaria in un continente dove i movimenti xenofobi sono sempre più seguiti, nonostante le diversità nella cultura e nell’esercizio della professione. A tenere le redini del dibattito, organizzato dalla Ong Lituana Media4change, il giornalista inglese Mike Jempsen, che da oltre vent’anni persegue gli stessi obiettivi nel Regno Unito, dove da molto tempo si affrontano i problemi della multiculturalità

A Catania le aziende falliscono?
«Colpa anche di un certo sindacato»

corteo primo maggio

Imprese che chiudono, posti di lavoro perduti, l’economia cittadina sempre più stritolata. Ma la colpa non è solo della crisi economica. Ne è convinto Concetto Ferrarotto, avvocato esperto in diritto del Lavoro e blogger di CTzen: «Facile sparare a zero sui politici ma, quando si dice classe dirigente, si dice anche sindacalisti». Un sistema «chiuso e involuto» con «gli stessi protagonisti, scelti con criteri interni, da almeno 20 anni»

Unict, l’ex neolaureato è figlio di un medico
I complici sono un autista e un funzionario

Palazzo Centrale_Unict_interna

Uomo, figlio di un medico della provincia di Siracusa, ha frequentato il polo B di Medicina. Il cerchio si stringe attorno allo studente a cui è stata annullata la laurea. Per mettere in atto la truffa ha agito con la complicità di un autista, dipendente dell’ateneo catanese, e di un funzionario della segreteria. Il preside Gaetano Catania assicura: «Verranno controllati gli ultimi dieci anni di operato dei dipendenti coinvolti»

Seostm, alla ricerca del turismo
Idea smart e rivoluzionaria made in Catania

Turisti_interna

«Nuovi software per migliorare la competitività degli operatori turistici in maniera analitica». In poche parole, «misurare il turismo». È quanto ha ideato un gruppo di under 30 etnei che, grazie a un finanziamento del Miur, sta sviluppando un sistema capace di guidare il settore, utilizzando anche il rapporto con la Rete. Studiare il cliente (dal piccolo ristorante al sistema regionale o nazionale) e l’ambiente con il quale si rapporta per offrire ai cittadini di tutto il mondo un’offerta mirata

Unict, cartelli di protesta a Giurisprudenza
Gli studenti: «Facoltà priva di modernità»

protesta_giurisprudenza

Una sessantina di iscritti al dipartimento di Legge dell’università di Catania si è riunito ieri pomeriggio nel cortile esterno di Villa Cerami. L’assemblea straordinaria, organizzata in poco tempo sui social network tramite l’hashtag #protestagiurisprudenzacatania, promette di essere solo il primo passo. Il motivo? La mancata applicazione di una delibera del Senato Accademico. Ma anche la disorganizzazione interna, l’assenteismo dei docenti e altro ancora. Leggi gli slogan

Unict, annullata una laurea in Medicina
Gli esami truccati dai funzionari

Laurea_interna

La bomba arriva sulla scrivania del rettore Giacomo Pignataro con una lettera anonima inviata da un gruppo di studenti del dipartimento etneo. Un collega ha coronato la sua carriera universitaria lo scorso 22 ottobre, nonostante non avesse mai superato 17 delle materie previste, grazie alla complicità di almeno due addetti alla segreteria. Pronta l’indagine interna all’ateneo che ha portato alla loro sospensione e all’annullamento della laurea. Gli atti sono stati trasmessi alla procura etnea

Ricercatrice catanese scrive a Laura Boldrini
«Io umanista costretta a scappare»

chiara_pulvirenti

Chiara Pulvirenti è una dei tanti lavoratori precari dell’Università di Catania che, emozionata dall’incontro con la presidentessa della Camera al rettorato catanese la settimana scorsa, ha deciso di scriverle una lettera aperta. E’ molto arrabbiata con il suo paese, ma al contempo «ha tanta passione civile, che vorrei fosse  contagiosa», risponde la Boldrini pubblicando la lettera sul suo sito. Una missiva che arriva dopo quella dell’associazione Gapa, del quartiere etneo San Crostoforo, per rimproverare all’onorevole la sua mancata visita

Myrmex, a Catania la ricerca sui cadaveri
3milioni dal Miur, ma laboratori mai partiti

myrmex_interna

Da due anni i 76 ricercatori dell’ex Pfizer, passati alla società di Gian Luca Calvi, trascorrono il tempo lavorativo leggendo romanzi o guardando film. Nonostante un finanziamento del Ministero, l’attività di ricerca non è mai iniziata. Adesso alcuni di loro hanno deciso di denunciare. «Ho firmato documenti nei quali dichiaravo d’aver lavorato molte ore: è falso. Ho firmato per timore di perdere il lavoro, non sono l’unico, ma ora sono stanco», racconta uno di loro ad Antonio Massari, autore dell’inchiesta pubblicata dal Fatto Quotidiano

Costruzioni, tassa in aumento del 2,5%
L’Ance: «Non si applichi alle ristrutturazioni»

workers_interna

Adeguare gli immobili alle nuove normative sismiche ed energetiche a Catania potrebbe costare caro, con una percentuale che passa dal 5 al 7,5 per cento. Aumento già proposto dalla giunta municipale. «Un adeguamento necessario, la tariffa è bloccata del 1993», spiega l’assessore al ramo Salvo Di Salvo. Ma la decisione scontenta le associazioni di categoria, Ance in testa. E la commissione Urbanistica ha già proposto uno sgravio per tutti gli adeguamenti strutturali. A firmare la proposta tutti i partiti di maggioranza. «Ma non c’è nessuna frizione con l’amministrazione», assicura il primo firmatario Agatino Lanzafame

Laura Boldrini incontra l’università
Ma gli studenti restano fuori dalla sala

boldrini_interna

Una grande folla ha accolto la presidente della Camera in visita a Catania per partecipare al convegno Talenti del Sud per sfidare la crisi. L’incontro si è tenuto al Rettorato alla presenza di autorità, docenti universitari, allievi ed ex allievi della Scuola Superiore etnea, ma pochi studenti. Costretti a seguire l’incontro in video-conferenza in un’altra aula del palazzo. «Ci aspettavamo un dibattito e invece abbiamo assistito quasi ad un monologo», commentano delusi. Mentre in piazza non mancano le contestazioni