Il profilo di chi frequenta i centri commerciali
Uno su due lo considera un luogo di relax

centro sicilia iblis_interna

Giovani, catanesi e frequentatori dei centri commerciali non solo per comprare, ma soprattuto per svago: è questa la descrizione dei clienti delle numerose strutture della provincia di Catania secondo i dati raccolti da una ricerca avviata dall’Università di Catania nell’ambito del corso di laurea in Direzione aziendale

Gesualdo, archeologo catanese a Stanford
«Rinuncio alle mie radici per la ricerca»

busacca_interna

Gesualdo Busacca, 25 anni, ex studente del dipartimento di Archeologia di Unict e allievo della Scuola superiore di Catania, ha vinto un dottorato di ricerca quinquennale presso l’università di Stanford, in California. A settembre il trasloco nella Silicon Valley per l’ex studente etneo, che afferma: «Vivere in una realtà universitaria provinciale, come Catania, non deve essere un freno né un alibi»

Micron, c’è l’accordo: a Catania 39 esuberi
St disponibile ad assorbire alcuni lavoratori

micron_napolitano_interna

Sembrano avere raggiunto un’intesa le rappresentanze dei lavoratori e il colosso della microelettronica statunitense: dei 419 licenziamenti annunciati in tutta Italia, ne verrà eseguito solo un terzo. Con St Microelectronics pronta a riassumere fino a 170 persone su base nazionale. Nello stabilimento etneo si passerebbe da 128 a 39 esuberi. «Abbiamo garanzie per riaprire il tavolo se non riuscissimo a ottenere il ricollocamento», spiega Stefano Materia, della Fiom-Cgil

Cimitero, dai giovani fiorai la raccolta punti
«Regaliamo orchidee ai clienti più fedeli»

raccolta punti_interna

Rosy e Vincenzo, 21 e 23 anni, si sono sposati un anno fa e hanno appena avuto un figlio. Ma da dopo il diploma gestiscono insieme una bottega di fiori a pochi metri dai tre cancelli di via Acquicella. Dietro al loro biglietto da visita c’è una griglia da timbrare: per ogni acquisto un contrassegno, al decimo arriva un omaggio. Una sorta di raccolta punti «cimiteriale», in un settore in cui tra abusivi e ostacoli «si guadagna il minimo per vivere»

Micron, tutto rinviato a mercoledì
La Regione diserta l’incontro al ministero

Micron_interna

Prosegue il braccio di ferro tra l’azienda statunitense – che ha deciso improvvisamente e in maniera inspiegabile il licenziamento di oltre 400 dipendenti – e i sindacati. Da questi la richiesta è una: il reintegro in St Microelectronics, la ditta che nel 2008 ha ceduto parte dell’organico a Numonyx, prima, e due anni dopo a Micron. Critiche alla giunta di Rosario Crocetta, «impegnata con il suo presidente al rimpasto mentre l’eccellenza siciliana viene licenziata»

Resima, un algoritmo catanese guida i ciechi
«Sensori wireless per navigare negli edifici»

resima

Un’idea dell’università di Catania sviluppata con un’azienda ad alto contenuto d’innovazione, composta quasi interamente da trentenni siciliani. Il nome sta per «Reti di sensori intelligenti e mobilità assistita per anziani e soggetti svantaggiati», e indica una sorta di navigatore per spazi chiusi, capace di individuare ostacoli e dare indicazioni ai non vedenti. «Un problema che si pone ovunque – dice Giuseppe Ursino, titolare dell’azienda che lo sta sviluppando – E per il quale abbiamo trovato un’ingegnosa soluzione»

Caso Farmacia, parla Giuseppe Ronsisvalle
Il legale: «Non parliamo di morti e feriti»

farmacia_preside

Oltre due ore per difendere la sua facoltà e l’attività della commissione sicurezza che avrebbe dovuto risolvere le problematiche del cosiddetto laboratorio dei veleni. L’ex preside – docente molto noto all’interno dell’ateneo catanese – ha reso una lunga testimonianza nel corso del procedimento per disastro ambientale, omissione di atti d’ufficio e falso ideologico. Molto duro l’intervento del suo legale, Pietro Nicola Granata. «Non sono le puzze, i fastidi, i disagi ad aver interessato l’opinione pubblica. Ma sono le morti». Un filone «sotterraneo» che rischia «di inquinare questo processo»

Unict, il video Happy arriva a Economia
Uno spot virale per il progetto di una web tv

Happy_Economia_interna

Un gruppo di studenti ha utilizzato la celebre canzone di Pharrell Williams per anticipare i contenuti di un’idea ambiziosa: una televisione «realizzata dagli studenti per far vedere in che modo viviamo l’università», spiega Alessandra Misuraca, allieva del corso di Economia aziendale. Il progetto nasce all’interno di un ciclo di seminari dedicati all’imprenditoria. Timori per la concorrenza del canale ufficiale dell’ateneo? «Non per forza saremo competitors, potremmo essere partner». Guarda il video

Inaugurata l’aula Stefania Erminia Noce
Il rettore: «Studentessa, donna, femminista»

aula Stefania interna

L’Università di Catania ha mantenuto la sua promessa e da ieri l’aula A2 del monastero dei Benedettini è dedicata alla studentessa uccisa dall’ex fidanzato nel 2011 assieme al nonno. Partecipata e commossa la cerimonia durante la quale il rettore Giacomo Pignataro ha consegnato ai genitori della ragazza una pergamena di attestato di carriera in Lettere

Stefania Noce, per lei un’aula ai Benedettini
«Nella targa ufficiale la parola “femminista”»

Stefania Noce_interna

Oggi alle 17 uno dei luoghi più frequentati dell’ex monastero, sede del dipartimento di Scienze umanistiche, sarà intitolato alla giovane donna uccisa il 27 dicembre 2011 dal suo ex fidanzato. «Un’idea nata due anni fa e finalmente, dopo un breve stop burocratico, realizzata», racconta Stefania Arcara, docente di Gender studies, a cui spetterà il compito di tenere un discorso